line

banner

 
home

profilo

discografia

photogallery

video

contact
line  

 

Emmanuel Limen Ngonga, alias Limo Star, nasce a Bamenda in Camerun.
Fin da ragazzo dimostra un amore e una attitudine spiccati per la musica che sente come reale possibilità di esprimere la propria sensibilità e creatività. Così, fin dagli anni di frequenza della scuola primaria, si impegna nell'attività musicale con i compagni di studi, diventando leader della banda musicale scolastica.
La musica diventa subito una costante della sua vita, e anche se giovanissimo, diviene membro del Coro della Chiesa in qualità di solista e percussionista (drumer). C'è una figura decisiva nella sua formazione, sia come persona che come cantante: sua madre Emilia. Il legame è intenso e profondo. Emilia è una donna forte e intelligente. E' prima di tutto sua madre ma è anche una persona
sensibile e dotata di uno spiccato senso artistico. Trasmette e condivide con il figlio il grande amore per la musica. Emmanuel Limen partecipa, sempre come solista e percussionista, anche a gruppi di preghiera. L'esperienza segna profondamente la sua evoluzione formativa come giovane uomo e come musicista, anche perchè si trova spesso a cantare insieme alla madre. L'amore tra madre e figlio è reso dunque ancora più forte dalla comune passione per la musica.
Prosegue gli studi affiancando la partecipazione all'attività musicale anche in ambito scolastico, in particolare in concomitanza di eventi culturali e festività di carattere nazionale. Cantare e suonare sono le cose che il giovane Emmanuel Limen ama di più. Fonda gruppi musicali per esprimere se stesso, comunicare le cose che pensa, riflettere sui suoi interessi attraverso la musica.
Diventa leader di questi primi gruppi con cui tiene concerti in diverse città del Camerun. Sono anni fondamentali per la sua evoluzione personale e artistica.
Si accosta ai diversi generi musicali , suona diversi strumenti, compone nel tempo decine di canzoni di cui elabora la partitura musicale e la scrittura dei testi, diventando un vero e proprio cantautore.
Dà prova di una notevole ricchezza compositiva e di una originalità che rende personale e unico il suo approccio alla musica. Comincia a frequentare corsi di musica regolari, in particolare presso la Scuola Musicale "American Club" nel suo Paese, affiancandoli a una produzione personale costante.
Il reggae è la sua scelta, pur accostandosi ai più diversi generi musicali.
Partecipa a trasmissioni radiofoniche musicali in Camerun, in particolare in occasione di commemorazioni di Bob Marley; così come partecipa a quiz radiofonici sulla vita e sulla produzione artistica del cantante giamaicano.
Organizza anche un importante evento -un concerto memorial - nel XIII° anniversario della morte di Bob Marley, all'"Hilton Hotel" a Y'de.
La storia personale di Emmanuel Limen e la sua tradizione culturale danno una traccia profonda alla sua musica che ha i colori dell'Africa e in particolare i segni di un sound inconfondibile, quello del reggae, anche se con arrangiamenti, tonalità e ritmi unici e inconfondibili. Dietro ogni testo c'è una visione del mondo e il suo sguardo di uomo e di artista sui problemi sociali, sulle tematiche dei diritti, sulle esperienze della vita, anche in chiave più intima.
Se il reggae è ritmo e spinta vitale, è anche strumento di conoscenza e riflessione individuale e collettiva.
Emmanuel Limen diventa Limo Star.
Si fa conoscere nel suo Paese e comincia a ottenere un notevole consenso. L'impegno si fa più evidente con la partecipazione al concorso "Just say no to drug" in Camerun. Partecipa a concerti e a trasmissioni radiofoniche e tv. La musica è un'attività costante e una scelta di vita. Le difficoltà non sono poche, ma la determinazione, la volontà e l'amore per la musica gli consentono di portare avanti i propri progetti e realizzare i CD "Democracy" e "Bakassi" che riscuotono successo in Camerun. In particolare "Bakassi" ha un profondo significato sociale. E' composto con l'intento di contribuire alla pacificazione, in un momento di grave conflitto, tra Camerun e Nigeria.
E' molto coinvolto dagli eventi del suo Paese, così come manifesta grande interesse per le tematiche ambientali che lo spingono a partecipare al concorso "Enveromental Care" con lo scopo di sensibilizzare ed educare, attraverso la musica, alla tutela dell'ambiente, fatto tanto più importante in una realtà come quella africana dove le risorse e le ricchezze naturali, anche quelle fondamentali per la vita, come l'acqua, sono privilegi per pochi e non diritti da tutelare e acquisire.
Limo Star combatte per il suo popolo attraverso lo strumento della musica. La musica infatti, non è solo espressione artistica e creativa, ma il mezzo che egli, come artista, utilizza per combattere, per esprimere valori etici e morali, per far acquisire consapevolezza sulla condizione della sua gente e sui problemi sociali e umani che lo toccano profondamente.
Limo Star lotta perchè il mondo diventi una nazione, un popolo, accomunato da un solo amore, da pace e unità.
Limo Star usa la musica per parlare di eguaglianza tra le genti, pace, amore e unità per tutti nel mondo.
La musica può tutto questo.
Nessuno può dire chi e quale sia il problema. Il bianco dice che il problema è il nero, il nero dice che è l'indiano, l'indiano dice che è il colore e il colore dice che è ognuno di loro. Jah dice che il problema è la gente e Limo Man dice che il problema sono i Babilonesi.
Quando Limo Star decide di lasciare il proprio Paese, viaggia, fa esperienze personali e di lavoro diverse che lo mettono a contatto con realtà, persone, culture e contesti attraverso cui arricchisce se stesso e la propria vena creativa.
Continua a scrivere canzoni e la musica accompagna i diversi momenti del suo essere nel mondo.
Così il reggae non è solo un genere musicale, ma una vera e propria filosofia di vita. I testi contengono sempre un messaggio chiaro e indiscutibilmente profondo, attraverso cui Limo Star propone il suo punto di vista sulle grandi tematiche sociali, in particolare il razzismo e l'integrazione.
Gira per l'Europa, lavora, scrive e compone. La sua musica risente in positivo dei cambiamenti. Si colora di sonorità "altre", pur mantenendo una sua connotazione peculiare che la rende unica.
Il carattere dell'uomo e dell'artista è forte, determinato, diretto. Così i suoi testi si fanno occhi sulle diseguaglianze, sul dolore, sulla discriminazione.
Scrive con facilità. La musica è una estensione dell'anima, è il segno della percezione del mondo e delle cose. Quando giunge in Italia costituisce un gruppo, "The Boomers", e comincia a suonare, specie nei locali del Veneto, dove si stabilisce. Fa musica dal vivo. Sa gestire il gruppo con intelligenza e fermezza, dando prova di qualità di leader e contemporaneamente trasmette e condivide una grande passione con i suoi cantanti e musicisti.
E' artista a tutto campo: scrive, compone, arrangia, crea vera musica indipendente. In più occasioni viene invitato a suonare nelle scuole. La musica emoziona, coinvolge, dà gioia profonda ma sa sempre far pensare: alla guerra e ai temi che più gli stanno a cuore.
E il reggae - il suo reggae - arriva al cuore e al cervello. Le parole delle sue canzoni esprimono l'intensità dei sentimenti, gli affetti familiari, così come la denuncia del razzismo, dell'ignoranza e di ogni forma di discriminazione.
Ma ha anche la capacità di criticare la falsità del potere in ogni sua espressione, da quello politico a quello di un "volontariato di facciata" ipocrita e molto spesso di comodo.
Limo Star canta tutto questo. Il reggae è il modo che usa per dire la sua sulla realtà del mondo, sull'infanzia violata che è un tema che gli sta particolarmente a cuore.
La musica non è un lavoro ma una passione che non abbandona mai. Scrive sempre. Compone. Ma è un uomo nel mondo. Lui africano al 100% che vive in Veneto, che ha viaggiato, che parla cinque lingue ma che dall'Africa non è mai lontano.
Gli amici, la famiglia, il tempo della sua vita.
All'Africa - sempre - con il cuore e l'anima, con il reggae che è la traccia costante della natura della sua terra.




Biografia 2
05 giugno 2011

L'obiettivo principale è fare musica, cantare, comporre testi. Parole e suoni, ritmi diversi, canzoni di impegno sociale ma anche ritmo e divertimento: tutto questo è l'originale segno musicale di Limo Star. L'Africa, i bambini, il sentimento del mondo e della vita. Scrivere è la cosa più naturale, raccontare il proprio modo di vedere e sentire le cose. E' difficile resistere, anche chi non ama ballare viene trascinato da una forza irresistibile che Limo Star esprime con la sua musica. Ascolti e ti muovi, senti il corpo e la mente pervasi da una gioia profonda, ti muovi e senti che le note di Limo Star entrano nel cuore come pura energia. C'è sempre una storia o un gioco di bambini da mettere in musica, un'ingiustizia da non tacere, ma anche voglia di vivere e di amare. Il tempo è sempre pieno di cose da fare, ma il tempo della musica è sempre forte e inarrestabile. Limo Star lavora incessantemente e realizza un CD molto particolare, "Die 4 the nation". Si tratta di un lavoro in cui l'artista alterna testi di profonda riflessione esistenziale a brani di denuncia sociale in cui affronta, nel genere che predilige, il reggae, i temi che maggiormente lo coinvolgono sia come uomo che come musicista. Mentre compone e lavora alle sue produzioni, partecipa a numerosi Concorsi musicali a livello nazionale. In particolare è tra gli artisti che prendono parte al 13 Concorso indetto da Amnesty Italia "Vociperlalibertà 2010" con un testo intitolato "Human Dignity", una personale, profonda e a tratti provocatoria riflessione sul tema della dignità umana in tutte le sue manifestazioni, in tutti i suoi aspetti costantemente negati. Ma Limo Star è un artista a tutto tondo. Spazia senza limiti nè di contenuto nè di ritmi e generi musicali. Partecipa così al "Festival Show 2010" per "Radio Bella e Monella" maturando esperienze di musica dal vivo. Ogni situazione che si presenta è vissuta da Limo Star come una occasione di crescita umana e artistica. E' artista dalla forte e inconfondibile personalità, ma ha anche l'umiltà di chi trae stimolo creativo da tutto ciò che gli si presenta. E' con questo spirito che partecipa al "Tourmusicfest 2010". E' un concorso particolarmente impegnativo di carattere nazionale. La sua musica, la sua presenza scenica, il suo carisma gli consentono di superare una selezione molto dura in cui è apprezzato il "suo reggae", fatto di ritmi riletti dalla sua vena creativa del tutto personale e originale. Ma le sfide non sono finite. Lavora alla realizzazione di un secondo CD dalle sonorità ancora una volta uniche e originali, fatte del sound africano in un mix di lingua, musica, suoni in cui Limo Star mostra, ancora una volta, che la musica veramente non ha confini nè barriere.

 

 

line
line      
   
| www.limo-star.it |